Browsing Category

Vita da expat

    Vita da expat

    Vita da expat: una torta davvero speciale!

    Ed eccomi arrivata a questo venerdì! Nel silenzio della casa, tra il profumo di biscotti che ho da poco finito di sfornare e la mia tisana calda tra le mani, mi riposo un attimo e ripenso a questa settimana: in cui Giacomo si è ammalato dalla sera del suo compleanno e noi siamo rimbalzati tra pediatra e ospedale; in cui avrei voluto fare molte più cose e scrivere il mio articolo per il blog, ma il tempo si è fermato per stargli vicino; settimana in cui in tre giorni festeggio i compleanni delle persone che amo di più al mondo, che però quest’anno ho affrontato con borse kilometriche sotto gli occhi e tante preoccupazioni, considerate le due ore per notte che avrò dormito. Normale vita di una famiglia con bambini direte voi? E avete ragione!

    In tutto ciò non posso però fare a meno di pensare alla vicinanza delle persone care anche in questa vita in Germania, perché nonostante le mie 4 torte in 4 giorni, la torta che difficilmente dimenticherò sarà quella della mia storica vicina Heidi. Una simpatica vecchietta sulla settantina, ancora in gamba e con accento non troppo bavarese, a volte considerata un po’ impicciona dai vicini, ma che in realtà aiuta tutti nel condominio. Suo marito, un simpatico bavarese grassoccio, si fa chiamare Adi, perché il nome completo desterebbe troppo scandalo. La coppia, senza figli, si affeziona un sacco ai bambini degli appartamenti vicini e così è successo con noi e noi ricambiamo. Conosciamo Heidi ormai da 5 anni e ogni tanto si presenta la domenica mattina con qualche specialità tedesca, appena sfornata o fritta…che poi dobbiamo puntualmente dividere tra amici, che apprezzano senza esitazione, per evitare che ci venga il diabete!

    Beh, si è presentata alla porta qualche giorno prima dei festeggiamenti del compleanno di Giacomo, offrendosi di fare una torta per aiutarmi. Eccola arrivare puntualissima alle 15:00 e zero minuti, come solo i tedeschi sanno fare, con una torta bavarese al cioccolato e pere, senza liquore per i bambini, ma proprio di quelle che si vedono nelle pasticcerie, con gli strati di pan di spagna, rigorosamente fatto in casa, e crema di panna al cioccolato e pere, alta tipo…un metro!!! Devo dire che non era niente male, equilibrata tra crema e pan di spagna…e io non sono una fan di queste torte.

    Mi fa molta tenerezza pensare a questa coppia di anziani tedeschi e a quanti volti della Germania hanno visto e vissuto, dagli anni 50 e 60 agli anni 2000, in cui si ritrovano a partecipare alla festa di compleanno di un treenne italiano! Sorrido ancora pensando a come, per rispondere all’ineguagliabile altezza del dolce bavarese, io abbia preparato una “piattissima” crostata di marmellata di fragole, di quelle che abbiamo raccolto in estate, in uno dei campi liberi in cui si possono raccogliere i frutti e poi pagare quanto raccolto autonomamente. Forse una semplicissima crostata all’italiana non l’hanno mai assaggiata, ho pensato, e in effetti, seppur quasi mi vergognavo ad offrila, tutti gli invitati tedeschi mi hanno chiesto il bis.

    Sorrido perché questa vita da expat offre continuamente momenti di scambio e di conoscenza reciproca, che ripagano della solitudine o lontananza dai famigliari, a cui molti pensano quando ti vedono partire e che esiste di certo, ma mi piace pensare che se la si sa apprezzare e cogliere, questa vita da expat abbia dell’incredibilmente bello! Voi che dite? Alla prossima torta!

  • Vita da expat

    Per questo Natale mi regalo un blog

    Ebbene sì, è arrivato il momento di farmi questo regalo: il blog per me significa questo. Significa concedermi finalmente il tempo per dedicarmi a questo progetto che serbo nel cuore da…